Fisco, Sangalli: “Giusto rivedere tetto contanti”

Giusto rivedere il tetto ai contanti” magari con “un coordinamento europeo per stabilire regole comuni” visto che “Germania e Austria, ad esempio, non hanno limiti all’utilizzo del contante”. Lo afferma in un’intervista al ‘Messaggero’ Carlo Sangalli, presidente di Confcommercio, spiegando che “il richiamo del premier alla tempestività ed alla necessità di comuni ed efficaci risposte europee per fronteggiare la difficilissima situazione che stiamo vivendo, ci trova pienamente d’accordo. Occorre che le conclusioni dell’ultimo Consiglio europeo si traducano in meccanismi operativi: dal tetto dinamico al prezzo del gas alla riforma delle regole di formazione dei prezzi dell’elettricità”.

“In particolare – aggiunge – va riproposto con forza il tema dell’energy recovery fund. Così come è necessario il perseguimento contestuale di sostenibilità ambientale, economica e sociale e del principio di neutralità tecnologica nella transizione ecologica”.

Quanto alla proposta di un nuovo patto fiscale “mi sembra – osserva Sangalli – una coerente declinazione di quella rivoluzione culturale nel rapporto tra Stato e sistema produttivo, segnalata come condizione necessaria per un percorso di crescita duratura e strutturale. Ne sono anche stati indicati i tre pilastri: riduzione della pressione fiscale secondo equità, tregua fiscale per la regolarizzazione delle posizioni di chi è in oggettiva difficoltà, lotta all’evasione fiscale. Buoni principi. Occorre approfondirne tempi e modalità di realizzazione”.

Leave a Comment