Consultazioni, Meloni: “Nuovo governo nel minor tempo possibile”

Siamo pronti, vogliamo procedere nel minor tempo possibile“. Così la premier in pectore Giorgia Meloni, chiudendo il suo breve intervento al Quirinale al termine dell’incontro tra la delegazione di centrodestra e il presidente della Repubblica Sergio Mattarella per le consultazioni.

Leggi anche

”La delegazione del centrodestra che ha incontrato il presidente Mattarella ha convenuto sulla necessità di dare un governo nel minore tempo possibile perché le urgenze che abbiamo di fronte sono moltissime a livello nazionale e internazionale”, ha quindi sottolineato.

“La coalizione si è presentata, non a caso, unita la Colle – ha aggiunto – proponendo al presidente della Repubblica l’indicazione del mio nome per formare il nuovo governo”.

Oggi è una giornata clou per la formazione del nuovo esecutivo o dopo le elezioni del 25 settembre scorso. Ricevuta la maggioranza uscita dalle urne – che deve fornire rassicurazioni al capo dello Stato circa la reale volontà e possibilità di indicare un presidente del Consiglio e di creare una compagine governativa, con un programma per affrontare le emergenze economiche e sociali e che in politica estera confermi la tradizionale linea italiana europeista e atlantista – Mattarella avrà in mano tutti gli elementi per valutare se e quando procedere al conferimento dell’incarico. Una scelta, che in presenza delle necessarie garanzie, potrebbe arrivare già nel pomeriggio, dopo la conclusione del Consiglio europeo, ultimo impegno del premier uscente Mario Draghi.

A quel punto il presidente del Consiglio incaricato potrebbe accettare subito, indicando i ministri poi nominati dal Capo dello Stato oppure ricevere la nomina con riserva, da sciogliere nelle ore successive con ritorno al Quirinale per la formazione del Governo.

Un percorso che, se non dovessero frapporsi ostacoli, si potrebbe concludere tra domani e la mattinata di domenica, con giuramento, cerimonia della campanella e primo Consiglio dei ministri, per presentarsi poi per la fiducia in Parlamento tra martedì e mercoledì.

Per le consultazioni al Colle Giorgia Meloni ha scelto un completo scuro elegante giacca e pantaloni per le consultazioni al Colle. La premier in pectore stavolta non ha capelli sciolti ma a coda di cavallo con due ciocche ai lati del volto e sfoggia un tailleur (capo d’abbigliamento intramontabile della moda femminile) composto da due ‘pezzi’, giacca e pantalone blu navy, camicetta in tinta, su scarpe décolleté nere. La leader di via della Scrofa è arrivata al Quirinale con occhialoni neri, che ha tolto all’ingresso.

“Con Ronzulli e Cattaneo, capigruppo al Senato e alla Camera stiamo per andare alle consultazioni del Presidente della Repubblica, daremo al nostro paese un governo forte e coeso”, le parole dì Silvio Berlusconi su Instagram.

“Non vedo l’ora che il governo cominci, la squadra è pronta”, ha commentato Matteo Salvini, nei pressi della Camera, in compagnia dei capigruppo di Camera e Senato, Riccardo Molinari e Massimiliano Romeo, pronti per salire al Colle per le consultazioni.

Leave a Comment