Elon Musk afferma che rilascerà Donald Trump dopo il sondaggio su Twitter

Poche settimane dopo aver rilevato Twitter, Elon Musk ha mantenuto una delle sue prime promesse per la piattaforma ripristinando l’account di Donald Trump. L’ex presidente, che si candida per la terza volta alla Casa Bianca, sarà nuovamente autorizzato a twittare. Venerdì sera, Musk ha twittato un sondaggio chiedendo alle persone di votare se Twitter dovesse reintegrare l’ex presidente, che di recente ha appena rivelato di candidarsi nuovamente per la più alta carica del paese nel 2024. “Vox Populi, Vox Dei”, ha detto il nuovo proprietario del sito web in un tweet di follow-up. Ventiquattro dopo, Musk ha chiuso il sondaggio e l’ha fatto annunciato che Trump sarà effettivamente reintegrato sulla base dei risultati.

L’opzione per reintegrare l’ex presidente ha vinto con il 51,8 per cento dei 15.085.458 voti. Mentre il sondaggio era in corso, Musk ha detto che lo era ottenendo un milione di voti all’ora.

Subito dopo che Musk ha assunto il controllo, si è impegnato a formare un consiglio di moderazione prima di annullare qualsiasi divieto permanente di account Twitter. Il 18 novembre, Musk ha ripristinato alcuni account, inclusi quelli appartenenti a Kathy Griffin e Jordan Peterson. A quel tempo, ha detto che non era stata presa alcuna decisione su Trump.

Twitter ha escluso Trump dalla piattaforma all’inizio del 2021 dopo aver infranto le regole contro l’incitamento alla violenza. Ha violato la politica di integrità civica di Twitter esprimendo sostegno alla folla che ha preso d’assalto il Campidoglio il 6 gennaio dello scorso anno. Il suo account è stato inizialmente sospeso per 12 ore. Un paio di giorni dopo, nei suoi ultimi giorni in carica, Twitter ha sospeso definitivamente l’account personale di Trump. Da allora Trump non è stato in grado di utilizzare la piattaforma, nonostante i suoi tentativi di aggirare il divieto e una causa fallita che cercava di ripristinare il suo accesso. Ci è voluto Elon Musk per acquistare Twitter e Trump per riavere il suo account.

Il ritorno di Trump potrebbe essere più una decisione commerciale da parte di Musk che altro. All’inizio di questa settimana, un Reuters rapporto ha suggerito che molti degli utenti più assidui di Twitter si sono spostati dalla piattaforma a artisti del calibro di Instagram e TikTok. Lo stesso Musk ha notato che molti degli account Twitter più seguiti non twittare spesso.

Nel bene e nel male, Trump è una figura di spicco e i suoi tweet hanno attirato l’attenzione. Resta da vedere se gli inserzionisti saranno felici di rivedere Trump. Poco prima di assumere ufficialmente il controllo di Twitter, Musk ha cercato di placare ogni preoccupazione affermando che “Twitter ovviamente non può diventare un inferno libero per tutti, dove si può dire qualsiasi cosa senza conseguenze!”

Sulla scia delle sue azioni intorno al 6 gennaio, Meta ha bloccato gli account Facebook e Instagram di Trump. Allo stato attuale, tale sospensione scadrà il 7 gennaio 2023, proprio mentre il ciclo elettorale del 2024 entra in pieno svolgimento.

Da quando è stato rimosso dalla piattaforma dai principali servizi, Trump ha rivolto la sua attenzione ai social network più piccoli, inclusa la sua app, Truth Social. Trump aveva promesso che non sarebbe tornato su Twitter, ma con 88 milioni di follower lì, aveva un pubblico quasi 22 volte più grande di quello che ha su Truth Social (una piattaforma che, per quel che vale, Musk ha descritto come “essenzialmente una camera d’eco di destra”).

Twitter ha subito enormi cambiamenti da quando Musk ha rilevato l’azienda. Ha tagliato l’organico eliminando migliaia di dipendenti e appaltatori, nonché alcuni dissidenti. Diversi alti dirigenti sono tra coloro che se ne sono andati. Si dice che circa altri 1.200 se ne siano andati dopo aver rifiutato di impegnarsi nella visione di Musk di un Twitter 2.0 “hardcore” che richiederebbe di lavorare “lunghe ore ad alta intensità”. Il ritorno di Trump non aiuterà esattamente a stabilizzare la nave.

Mariella Moon ha contribuito a questo post.

Tutti i prodotti consigliati da Engadget sono selezionati dalla nostra redazione, indipendente dalla nostra casa madre. Alcune delle nostre storie includono link di affiliazione. Se acquisti qualcosa tramite uno di questi link, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Tutti i prezzi sono corretti al momento della pubblicazione.


Leave a Comment