Elon Musk afferma che Twitter formerà un “consiglio di moderazione” prima di ripristinare gli account vietati

Twitter non ha intenzione di precipitarsi in grandi cambiamenti alla politica dei contenuti ora che Elon Musk possiede l’azienda. Musk ha annunciato che il social network formerà un consiglio di moderazione con membri che detengono “punti di vista ampiamente diversi”. Non ci saranno decisioni “importanti” sui contenuti o vietate le inversioni fino a quando il consiglio non si riunirà, dice l’imprenditore.

Musk non ha nominato i membri del consiglio né fornito una sequenza temporale per la creazione del consiglio. Abbiamo chiesto a Twitter se può commentare la strategia o fornire ulteriori dettagli e ti faremo sapere se ne sapremo di più.

Il capo di Tesla ha promesso di apportare modifiche sostanziali alla politica di moderazione di Twitter, come allentare le regole generali e limitare i divieti permanenti a persone come Donald Trump. Tuttavia, i piani del consiglio suggeriscono che Musk potrebbe impiegare del tempo per implementare un nuovo approccio e potrebbe delegare almeno alcune delle responsabilità. Di recente ha cercato di rassicurare gli inserzionisti sul fatto che Twitter non diventerà un “paesaggio infernale libero per tutti” in cui gli annunci vengono pubblicati insieme a post orribili.

Questo non vuol dire che Musk stia evitando tutte le decisioni rapide. Ha già licenziato diversi dirigenti, incluso il capo della politica Vijaya Gadde. Secondo quanto riferito, Musk ha informato il personale di base che non licenzierà tutte le persone che temeva, ma dovrebbe comunque tagliare i lavori in un ordine relativamente breve. Si ritiene che gli ingegneri Tesla stiano aiutando con una revisione del codice che potrebbe portare a revisioni tecniche.

Se e quando arriverà il consiglio, i critici lo seguiranno da vicino. I conservatori hanno accusato a lungo Twitter di mettere a tacere i punti di vista di destra e sono arrivati ​​​​al punto di emanare leggi statali che costringono i social network a portare più contenuti. Altri, tuttavia, hanno respinto le affermazioni e sostenuto che è necessaria una forte moderazione per impedire che l’incitamento all’odio e la disinformazione ottengano consensi. Un panel di moderazione affronta teoricamente entrambi i lati del dibattito, ma la sua efficacia è tutt’altro che stabilita in questa fase.

Tutti i prodotti consigliati da Engadget sono selezionati dalla nostra redazione, indipendente dalla nostra casa madre. Alcune delle nostre storie includono link di affiliazione. Se acquisti qualcosa tramite uno di questi link, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Tutti i prezzi sono corretti al momento della pubblicazione.


Leave a Comment