Elon Musk offrirà “amnistia” agli account Twitter vietati tra ulteriori licenziamenti

Cinguettio il proprietario e CEO Elon Musk afferma una “amnistia generale” per gli account vietati per coloro che “non hanno infranto la legge o si sono occupati di spam eclatante”. Lui se Twitter dovrebbe offrire l’amnistia, apparentemente trascurando il fatto che tali sondaggi possono essere facilmente manipolati dai bot. Oltre il 72% dei 3,2 milioni di voti ha approvato la proposta di amnistia di Musk.

Musk lo scorso fine settimana dopo un sondaggio simile. Trump deve ancora twittare dopo aver recuperato il suo account, sebbene abbia continuato a pubblicare sulla sua app, Truth Social. Alla fine della scorsa settimana, Musk ha ripristinato i conti della comica Kathy Griffin (che aveva pungolato Musk prima che il suo account fosse sospeso), del provocatore di destra Jordan Peterson e del sito web di satira conservatrice Ape Babilonia.

L’ultima svolta nella saga di Twitter arriva il giorno dopo che la società ha licenziato altri 50 ingegneri senza preavviso, secondo i rapporti. Sono stati licenziati subito dopo che la società ha avviato un programma di revisione del codice, in base al quale agli ingegneri viene chiesto di inviare campioni del loro lavoro su base settimanale. Dozzine di ingegneri sono stati licenziati via e-mail la notte prima del Ringraziamento perché il loro “codice non è soddisfacente”, secondo .

Altri hanno ricevuto un avvertimento sulla loro performance. “Tieni presente che il mancato rispetto delle aspettative potrebbe comportare la tua cessazione del rapporto di lavoro… ti preghiamo di utilizzare questa opportunità per ripristinare la nostra fiducia e dimostrare il tuo contributo al team e all’azienda,” .

Secondo quanto riferito, gli ingegneri licenziati quattro settimane di liquidazione se firmano un accordo di separazione e rinunciano a qualsiasi pretesa nei confronti di Twitter. Erano rimasti in azienda dopo Musk La scorsa settimana, ha chiesto ai restanti dipendenti di impegnarsi a lavorare secondo la sua visione per . Quelli che (circa 1.200 dei 3.900 che erano ancora in azienda all’inizio della scorsa settimana) sono stati licenziati con la promessa di tre mesi di liquidazione.

L’ultimo lotto di licenziamenti è avvenuto solo due giorni dopo che Musk avrebbe detto ai dipendenti che i licenziamenti erano stati fatti e che, con un focus su “persone che sono brave a scrivere software”. Uno degli ingegneri Twitter mercoledì è Ikuhiro Ihara, che ha guidato la campagna per raddoppiare il limite di caratteri del tweet a 280 . Twitter ha anche lasciato andare Ying Xiao, uno scienziato ricercatore di apprendimento automatico del personale senior a cui ha parlato un collega Piattaforma‘s Zoë Schiffer come “il miglior modellatore ML” in circolazione. Sembra che alcuni degli ingegneri abbiano licenziato e ora affrontano una corsa per trovare un nuovo lavoro se vogliono rimanere negli Stati Uniti.

che Twitter ha tagliato la retribuzione delle ferie per i suoi restanti appaltatori proprio prima di un fine settimana di vacanza. Quella mossa è arrivata nemmeno due settimane dopo la società. Si dice che Musk abbia anche per i dipendenti questa settimana, comprese le indennità per l’asilo nido, i costi di Internet da casa e la formazione, tagliando efficacemente i pacchetti di compensazione dei lavoratori.

Queste misure fanno parte dell’intensa spinta di Musk a tagliare i costi di Twitter, che deve almeno $ 1 miliardo di interessi annuali sui prestiti contratti per aiutare ad acquistare la società. All’inizio di questa settimana, è stato riferito che Twitter è stato , con alcuni milioni di dollari dovuti in arretrato. Twitter non ha più un dipartimento di comunicazione che può essere raggiunto per un commento.

Tutti i prodotti consigliati da Engadget sono selezionati dalla nostra redazione, indipendente dalla nostra casa madre. Alcune delle nostre storie includono link di affiliazione. Se acquisti qualcosa tramite uno di questi link, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Tutti i prezzi sono corretti al momento della pubblicazione.


Leave a Comment