Google espande i sistemi di rilevamento delle inondazioni e incendi basati sull’intelligenza artificiale

Google ha utilizzato l’intelligenza artificiale per sviluppare un sistema in grado di prevedere le inondazioni. Ha anche lavorato su strumenti di monitoraggio degli incendi. In vista della conferenza sul clima COP27 che si terrà la prossima settimana, la società ha annunciato che sta espandendo questi strumenti.

In primo luogo, afferma che offrirà previsioni di inondazione per i bacini fluviali in altri 18 paesi. Questi sono Brasile, Colombia, Sri Lanka, Burkina Faso, Camerun, Ciad, Repubblica Democratica del Congo, Costa d’Avorio, Ghana, Guinea, Malawi, Nigeria, Sierra Leone, Angola, Sud Sudan, Namibia, Liberia e Sud Africa. La società in precedenza offriva avvisi di inondazione agli utenti in India e Bangaldesh con avvisi su dispositivi Android e telefoni su cui è installata l’app Ricerca Google.

Google sta anche realizzando uno strumento chiamato disponibile in tutto il mondo. Flood Hub visualizza le previsioni delle inondazioni su una mappa e mostra quando e dove potrebbero verificarsi con pin codificati a colori. L’azienda spera che lo strumento aiuterà le persone che sono direttamente a rischio degli effetti delle inondazioni e che aiuterà le organizzazioni e i governi a mobilitare le loro risposte.

“Questa espansione della copertura geografica è possibile grazie alle nostre recenti scoperte nei modelli di previsione delle inondazioni basati sull’intelligenza artificiale e ci impegniamo ad espanderci in più paesi”, Yossi Matias, vicepresidente di Google per l’ingegneria e la risposta alle crisi, capofila, . Matias ha osservato che i danni catastrofici delle inondazioni colpiscono più di 250 milioni di persone ogni anno. è probabile che si traduca in più allagamenti, il che rende critici i sistemi di rilevamento come quello su cui Google sta lavorando.

Utilizzando i dati delle previsioni meteorologiche, l’azienda è in grado di offrire avvisi di inondazione fino a una settimana in anticipo, ha detto il senior staff engineering manager Sella Nevo . Il modello AI utilizzava in precedenza i dati dell’indicatore del livello dell’acqua, che limitavano la finestra di avviso anticipato a circa 48 ore.

Per quanto riguarda gli incendi, Matias ha scritto che Google rileva “i confini degli incendi utilizzando nuovi modelli di intelligenza artificiale basati su immagini satellitari e [shows] la loro posizione in tempo reale nella ricerca e nelle mappe”. Canada e alcune aree dell’Australia. L’azienda utilizza anche i dati della National Oceanic and Atmospheric Administration e dei satelliti della NASA per il rilevamento degli incendi.

Matias ha anche accennato ad alcuni degli altri lavori che Google e la società madre Alphabet stanno facendo per mitigare i cambiamenti climatici, come rendere più efficienti i semafori e ridurre l’inquinamento delle auto inattive. Nel frattempo, un progetto ospitato dalla divisione X moonshot di Alphabet, sta tentando di rendere il sistema alimentare globale più sostenibile e produttivo.

Tutti i prodotti consigliati da Engadget sono selezionati dalla nostra redazione, indipendente dalla nostra casa madre. Alcune delle nostre storie includono link di affiliazione. Se acquisti qualcosa tramite uno di questi link, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Tutti i prezzi sono corretti al momento della pubblicazione.

Leave a Comment