I lavoratori degli Apple Store scioperano in Australia

Apple non sta solo affrontando gli sforzi di sindacalizzazione tra i suoi dipendenti al dettaglio. Il New York Times rapporti circa 150 dipendenti del negozio hanno scioperato per un’ora martedì dopo che le trattative per una migliore retribuzione e condizioni di lavoro hanno raggiunto un punto morto. Mercoledì, si sono rifiutati di fornire un mix di servizi che includevano la riparazione degli AirPod e la gestione delle consegne.

I dipendenti in sciopero hanno mostrato sostegno ai sindacati e hanno chiesto una serie di miglioramenti, tra cui il reddito più alto e gli orari con due giorni consecutivi di ferie. Apple aveva offerto al personale un salario minimo più alto di $ 27,64 AUD (circa $ 17,35 USA) nei colloqui con i sindacati, ma il sindacato Shop, Distributive and Allied Employees Association lo ha definito un “taglio salariale reale” che non tiene conto dell’inflazione. Quel gruppo vuole un salario di $ 31 AUD ($ 19,53 US) più o meno equivalente a quello che ottengono i lavoratori americani. È anche difficile avere i fine settimana con la programmazione attuale, hanno detto i lavoratori.

Come negli Stati Uniti, ci sono accuse che Apple stia usando tattiche anti-sindacali. L’associazione afferma che Apple ha interferito con gli organizzatori del lavoro cercando di intervistare i dipendenti prima delle negoziazioni. Apple ha presumibilmente cercato di affrettare un voto sull’accordo.

Apple ha negato di aver affrettato il voto e ha affermato che i lavoratori part-time potrebbero specificare quattro o più giorni di disponibilità. Ricevono anche orari con due settimane di anticipo. In una dichiarazione a I tempiil produttore di iPhone sostiene di essere “tra le aziende più pagate” in Australia e di aver apportato “molti” miglioramenti ai suoi vantaggi.

Lo sciopero e il rifiuto dei compiti sono stati in parte stimolati dall’azione sindacale negli Stati Uniti. Lì, i lavoratori di un numero crescente di negozi Apple hanno cercato di unirsi ai sindacati con successo variabile. I membri del team di un negozio di Towson, nel Maryland, sono riusciti a unirsi al sindacato, ma sono emerse notizie secondo cui Apple avrebbe rifiutato i benefici mentre si svolgevano i negoziati con il sindacato. In molti negozi, la società ha apparentemente spinto argomenti anti-sindacali che suggerivano che la rappresentazione formale potesse peggiorare le cose. Non c’è certezza che i dipendenti americani colpiranno come le loro controparti australiane, ma è evidente che la protesta si sta facendo più forte.

Tutti i prodotti consigliati da Engadget sono selezionati dalla nostra redazione, indipendente dalla nostra casa madre. Alcune delle nostre storie includono link di affiliazione. Se acquisti qualcosa tramite uno di questi link, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Tutti i prezzi sono corretti al momento della pubblicazione.

Leave a Comment