Le migliori tastiere al 60% che puoi acquistare

Tutti i prodotti consigliati da Engadget sono selezionati dalla nostra redazione, indipendente dalla nostra casa madre. Alcune delle nostre storie includono link di affiliazione. Se acquisti qualcosa tramite uno di questi link, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Tutti i prezzi sono corretti al momento della pubblicazione.

Le tastiere da gioco sono abbondanti e diverse in questo momento. Puoi acquistarli in bianco o nero, cablato o wireless e con almeno una dozzina di opzioni di interruttore a chiave. E ogni anno sono diventati più grandi e complessi, con pulsanti multimediali e tasti macro e una brillante illuminazione a LED arcobaleno. Tuttavia, l’anno passato ha visto alcuni produttori andare nella direzione opposta, introducendo tastiere al 60% carine e compatte. Ma valgono la pena acquistarli?

Le scelte di Engadget

Quanti tasti ha una tastiera al 60%?

Kris Naudus / Engadget

Prima di tutto, vale la pena notare che le tastiere da gioco tendono a seguire una delle tre diverse configurazioni. Il più comune è il mazzo full-size, che di solito avrà da 100 a 110 tasti, a seconda che il produttore includa pulsanti multimediali o tasti macro. C’è sempre una riga di funzioni situata lungo la parte superiore della tastiera e un tastierino numerico all’estrema destra. La maggior parte dei giocatori preferirà un modello di dimensioni standard piuttosto che una tastiera compatta perché consente loro di eseguire molte funzioni diverse con una sola pressione e di impostare macro per attività che non sono già integrate nella tastiera.

I mazzi Tenkeyless sono abbastanza comuni ormai da un po’; quelle sono tastiere che omettono il tastierino numerico a destra. Questo è tutto. Hanno ancora tasti funzione e controlli multimediali, ma sono più stretti poiché omettono 17 tasti. Sì, in realtà sono più di 10 chiavi ma “seventeenkeyless” non ha lo stesso squillo. I giocatori potrebbero optare per uno di questi quando hanno bisogno di un po’ più di spazio sulla scrivania e non hanno bisogno di un modo rapido per inserire numeri o fare calcoli (che è il mio caso d’uso numero uno per il pad destro).

Poi ci sono il 60 percento di tastiere che, come indica il nome, ritagliano il 40 percento delle dimensioni standard della tastiera e hanno solo 61 tasti. Non solo rimuovono semplicemente il tastierino numerico, ma i tasti funzione sono spariti, insieme ai tasti freccia e quegli strani tasti di sistema come “stampa schermo” e “home” che sono utili solo quando ne hai bisogno. Su alcuni computer non funzionano nemmeno.

Su una tastiera al 60 percento accederai a questi pulsanti utilizzando il tasto funzione; non esiste un layout standard tra le aziende, quindi dovrai imparare nuovi tasti di scelta rapida se passi da un produttore all’altro come Razer, HyperX o Corsair. Mancano anche di poggiapolsi integrati, sebbene l’altezza sia almeno regolabile.

Razer ha anche appena introdotto una tastiera al 65 percento, una configurazione meno comune che mantiene i tasti freccia e alcune funzioni ma lascia comunque il resto per mantenere un profilo ridotto. Questa è probabilmente un’opzione preferita se usi molto i tasti freccia. Ne ho bisogno perché modifico molto testo e alcuni giochi potrebbero usarli al posto dell’array WASD standard per controllare il tuo personaggio.

Quali sono i vantaggi di una tastiera al 60%?

Tastiere al 60 percento su un letto di carta colorata

Kris Naudus / Engadget

Con così tante funzioni rimosse, perché acquistare una tastiera al 60%? Il motivo numero uno per utilizzare una tastiera compatta è ovviamente lo spazio. Se stai giocando in spazi ristretti o hai solo un sacco di schifezze sulla scrivania come me, non dover mettere da parte le cose solo per fare spazio ai gomiti è bello. È particolarmente utile se tendi a mangiare vicino al tuo computer, poiché le dimensioni ridotte di una tastiera del 60% rendono facile spostare un piatto o una ciotola sulla scrivania. In realtà mantiene anche la tastiera molto più pulita, dal momento che posso facilmente scuotere le briciole con una mano.

Una tastiera di dimensioni ridotte la rende anche più portatile, ovviamente, con una tastiera del 60 percento che occupa meno spazio di un laptop nella borsa, anche se è ancora un po’ spessa. Hanno tasti a profilo inferiore almeno rispetto ai mazzi standard, anche se se lo spessore è la tua preoccupazione numero uno, portare in giro una tastiera meccanica probabilmente non fa per te.

Una grande caratteristica di cui non si parla molto è che tutti i recenti deck al 60 (e 65) percento non sono tastiere wireless e utilizzano cavi USB-C rimovibili. Quindi, se passi spesso da un’area di lavoro all’altra, puoi facilmente lasciare un cavo su ogni scrivania per collegare rapidamente la tastiera. Come qualcuno che testa molte tastiere, l’ho trovato utile perché posso cambiare il deck e lasciare intatto il cavo. Spesso è una vera seccatura dover scollegare i cavi e districarli dalla configurazione del mio ufficio ogni volta che provo una nuova tastiera, ma per i modelli al 60% ho utilizzato lo stesso cavo per tutti loro.

Il meglio per la maggior parte dei giocatori: Razer Huntsman Mini

Il migliore per la maggior parte dei giocatori
Razer Huntsman Mini

Razer

La migliore delle principali tastiere del 60% in circolazione in questo momento è la Mini cacciatore. Utilizza gli interruttori opto-meccanici di Razer, che non mi sono piaciuti molto in passato, ma l’azienda sembra aver apportato alcune modifiche che la rendono un’esperienza di digitazione molto più piacevole. Questa tastiera da gioco è silenziosa e fluida con un buon tempo di risposta, anche se le persone che preferiscono una sensazione elastica dei tasti dovrebbero cercare altrove. Non è una tastiera wireless, quindi se la porti in viaggio dovrai assicurarti di avere sempre un cavo USB-C a portata di mano. Anche la tastiera da gioco Huntsman Mini è disponibile in bianco, il che significa che si adatterà al tuo arredamento più della maggior parte degli accessori di gioco, soprattutto se scegli di personalizzare l’illuminazione a LED.

Professionisti: Attraente; buona sensazione di digitazione; viene in bianco.

Contro: Nessun wireless; non tutti saranno fan delle chiavi opto-meccaniche.

Secondo classificato: HyperX Alloy Origins 60

Secondo classificato
Origini della lega HyperX 60

HyperX

Se hai bisogno di un mattone solido e robusto di una tastiera al 60 percento, il Origini della lega HyperX 60 è un ponte meccanico su un battiscopa in metallo. È più pesante delle altre opzioni sul mercato, quindi potrebbe non essere il migliore se stai cercando di mantenere la tua borsa da viaggio il più leggera possibile. Ma se sei un dattilografo particolarmente approssimativo, questo è quello che sopporterà meglio le battute forti. Guadagna anche punti per essere l’unica tastiera al 60 percento che mette le funzioni delle frecce secondarie in basso a destra del mazzo dove normalmente le cercheresti, invece di riporle nel mezzo.

Professionisti: Solidamente costruito; più economico di altre opzioni del 60%; tasti freccia ben posizionati.

Contro: Pesante; niente wireless.

Il meglio con i tasti freccia: Razer BlackWidow V3 Mini HyperSpeed

Meglio con i tasti freccia
Razer BlackWidow V3 Mini HyperSpeed

Razer

La linea BlackWidow di Razer è stata a lungo una delle preferite dai giocatori qui a Engadget e il V3 Mini non fa eccezione. A differenza delle altre tastiere in questo elenco, è una tastiera al 65%, il che significa che ha ancora i tasti freccia e una colonna di tasti vari sul lato destro che può fungere anche da pulsanti macro. Sono disponibili due opzioni di commutazione per soddisfare le diverse preferenze di digitazione, clic e tattile (verde) o lineare e silenziosa (giallo). Vale la pena notare che quest’ultima descrizione è il termine dell’azienda per questo, e la digitazione del V3 Mini è ancora notevolmente udibile da coloro che ti circondano.

Professionisti: Sono disponibili due tipi di interruttori a chiave; ha sia 2.4G che Bluetooth wireless; include tasti che altre tastiere non hanno.

Contro: Caro; il labbro in basso è voluminoso.

Un’opzione più economica ma deludente: Corsair K65 RGB Mini

Un’opzione più economica ma deludente
Corsair K65 RGB MINI

Corsaro

Corsair K65 RGB MINI

Gli utenti già investiti nel software iCUE di Corsair potrebbero voler mantenere i loro accessori ottimizzati in un’unica suite di personalizzazione: in tal caso, questa è un’opzione decente.

$ 109,99 su Amazon

Corsair di solito produce tastiere piuttosto grandi, ma non potrei necessariamente dire quello del K65 RGB Mini, il suo ingresso nel mercato del 60%. I materiali erano scadenti per l’azienda, con un involucro di plastica che sembrava vuoto e tasti che emettevano un suono squillante quando colpiti. Ma non è un accessorio del tutto terribile e gli utenti già investiti nel software iCUE di Corsair potrebbero voler mantenere i propri accessori ottimizzati in un’unica suite di personalizzazione invece di dover rimbalzare tra diverse interfacce. Se questo non è un problema per te, HyperX Alloy Origin 60 è sia migliore che più economico.

Professionisti: Utilizza il software iCUE di Corsair; la sensazione chiave è buona.

Contro: Materiali economici; esperienza di digitazione rumorosa; niente wireless.

Leave a Comment