L’ex CEO di Twitter Jack Dorsey afferma che i licenziamenti a livello aziendale sono colpa sua

Jack Dorsey afferma di poter “capire” se gli attuali ed ex dipendenti di Twitter lo incolpano per lo stato dell’azienda. Il co-fondatore e di Twitter si sono recati sulla piattaforma sabato per dire che era lui il responsabile della situazione. “Il passato e il presente di Twitter sono forti e resilienti. Troveranno sempre un modo, non importa quanto sia difficile il momento”, Dorsey . “Mi rendo conto che molti sono arrabbiati con me. Ho la responsabilità del motivo per cui tutti si trovano in questa situazione: ho aumentato le dimensioni dell’azienda troppo in fretta. Mi scuso per questo”.

Dorsey ha aggiunto di essere grato a tutti coloro che hanno lavorato su Twitter. “Non mi aspetto che sia reciproco in questo momento… o mai più… e capisco”, ha scritto. Dorsey ha pubblicato le scuse dopo ha pubblicato una storia all’inizio della giornata affermando che ora è “odiato su Twitter”. Secondo quanto riferito, molti dipendenti lo “incolpano” per l’acquisizione di Musk e per i licenziamenti a livello aziendale che vedranno tagliare circa il 50 percento della forza lavoro di Twitter.

Il thread segna il primo commento pubblico di Dorsey su Twitter da quando Musk ha chiuso il suo accordo da 44 miliardi di dollari per acquistare la società il 27 ottobre. Quando il fondatore di SpaceX ha annunciato per la prima volta l’acquisizione, Dorsey ci ha appoggiato. “Elon è la soluzione unica di cui mi fido”, . “Questa è la strada giusta… ci credo con tutto il cuore.” Dorsey è rimasto tranquillo dopo che Musk ha tentato di farlo, ma nei messaggi è diventato chiaro che voleva che Musk assumesse un ruolo più attivo su Twitter per un po’ di tempo.

Tutti i prodotti consigliati da Engadget sono selezionati dalla nostra redazione, indipendente dalla nostra casa madre. Alcune delle nostre storie includono link di affiliazione. Se acquisti qualcosa tramite uno di questi link, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Tutti i prezzi sono corretti al momento della pubblicazione.


Leave a Comment