Pd, si allarga il fronte per anticipo congresso. Ora anche Bonaccini spinge

Meloni scuote i dem. Presidente Emilia Romagna: “Proverei ad anticipare e accelerare un po’, per evitare di dare l’idea che perdiamo mesi a discutere di noi”. Orlando: “O è davvero costituente o tanto vale…”. Orfini: “Troppi 5 mesi, situazione grave”.

La prima volta da premier di Giorgia Meloni in Parlamento è un ‘tuffo’ nella politica. Un manifesto politico più che programmatico, il giudizio dei dem. E si allarga il fronte di chi vede l’orizzonte di marzo per chiudere il congresso troppo lontano. Troppi mesi senza un nuovo leader e un nuovo gruppo dirigente. Qualche dubbio viene anche a chi nelle scorse settimane aveva indicato la necessità di tempi meno stringenti per un vero processo costituente. Vedi Andrea Orlando. Che resta dell’opinione che serva una discussione profonda ma osserva: “Anticipare? O si fa un congresso davvero costituente o tante vale… Vorrei capire quali sono regole”, dice all’Adnkronos.

La sede in cui discutere delle regole del congresso sarà la Direzione di venerdì. Passaggio che Enrico Letta cita nell’intervento in aula alla Camera. “Faremo fino in fondo il nostro lavoro di opposizione. Venerdì cominceremo il nostro congresso costituente, ma il nostro congresso costituente sarà parte dell’opposizione a voi”. Per il Nazareno il timing resta quello concordato nell’ultima Direzione: la fine dell’inverno. Una contrazione dei tempi sarebbe controproducente per una discussione vera e partecipata.

Matteo Orfini non la pensa così: “Nel ricominciare a fare politica rientra anche una considerazione tecnica: di fronte a questo governo che parte, immaginare che metterci 5 mesi a fare un congresso serva a rendere quel congresso più efficace significa non avere molto chiara la gravità della situazione”. E in serata in una trasmissione televisiva interviene sul punto anche il candidato in pectore alla segreteria, Stefano Bonaccini. A fronte di una destra che in un mese è partita con il governo “un partito che ci mette sei mesi a scegliere un segretario temo non sia molto in sintonia con il paese. Io proverei ad anticipare e accelerare un po’, per evitare di dare l’idea che perdiamo mesi a discutere di noi, mentre c’è qualcun altro che si occupa di risolvere i problemi dei cittadini”.

Leave a Comment