Recensione Pokémon Scarlet e Violet: Crescita e dolori crescenti

Ogni generazione di Pokémon porta una nuova regione da scoprire. Ma con il design open world di Pokémon Scarlatto e Viola, invece di ottenere semplicemente una mappa aggiornata con un percorso lineare dall’inizio alla fine, sembra che ci sia una vasta campagna da esplorare. Quindi aggiungi una storia più profonda con tre percorsi ramificati, insieme a una serie di miglioramenti della qualità della vita e modifiche al formato Pokémon tradizionale, e hai un gioco in cui è un vero spasso perdersi, anche con gli sfortunati problemi di prestazioni del titolo. .

Benvenuti a Paldea

Come sempre, il gol in Pokémon Scarlatto e Viola è diventare il meglio. Tuttavia, la svolta per questa generazione è che sei anche uno studente in un’accademia vicina (Naranja in scarlatto, Uva in viola), dove incontrerai gli altri personaggi importanti della tua storia, o in questo caso delle storie. Nemona è una sorella maggiore che funge sia da rivale che da guida mentre cerchi di diventare una campionessa della Lega Pokémon. È molto più simpatica di Hop from Spada e Scudo, e ti aiuta a insegnarti alcune delle basi della battaglia, il che è utile perché in realtà non passi molto tempo in classe.

Sam Rutherford/Engadget

Poi c’è il Team Star, che è una specie dell’equivalente del Team Rocket di questa generazione, tranne per il fatto che questa volta la banda è più simile a un club del doposcuola con una cattiva reputazione e troppi fondi. Infine c’è Arven, il figlio dei nuovi professori (il professor Turo o il professor Sada a seconda della versione del gioco), che è alla ricerca della leggendaria Herba Mystica, piante magiche uniche di Paldea.

Certo, il viaggio per raccogliere otto badge palestra e sconfiggere l’Elite 4 è più semplice che mai (beh, per quanto possa esserlo in un gioco open world). Ma apprendere la motivazione dietro la ricerca di Pokémon Titano da parte di Arven mi ha quasi fatto venire le lacrime agli occhi. E introducendo speciali Pokémon di taglia gigante, il gioco ha la libertà di aggiungere un nuovo tipo di combattimento oltre alle tue battaglie con allenatori e mostri selvaggi.

Arven è il personaggio principale della trama di Path of Titans mentre cerca di scoprire il segreto dietro l'Herba Mystica.

Sam Rutherford/Engadget

Nel frattempo, per la trama di Starfall Street, Scarlatto e Viola usa questa svolta per introdurre un’altra svolta nella lotta dei Pokémon. Invece di combattere una manciata di subalterni uno per uno, usi i tuoi primi tre Pokémon per abbattere ondate di mostri nemici fuori dallo schermo, una specie di auto-battler a tema Pokémon, che si svolge più come un test di resistenza che il tradizionale combattimento a turni del gioco. E alla fine, combatti contro il capo di ogni equipaggio prima di scoprire cosa li ha spinti a unirsi al Team in primo luogo, il che alla fine porta a un arco di redenzione sorprendentemente salutare.

Il grande impatto di questo è che avendo tre trame invece di una, Scarlet e Violet è in grado di raccontare una storia più grande da più prospettive a differenza di tante voci precedenti. E penso che questo approccio ripaghi davvero perché i percorsi che non hanno nulla a che fare con il diventare l’allenatore numero uno offrono alcuni dei momenti più commoventi che la serie abbia mai prodotto.

Tanto spazio per le attività

Ogni versione del gioco ha un elenco leggermente diverso di Pokemon che puoi catturare, come la linea Bagon che è disponibile solo in Violet.
Dopo nove generazioni, ho finalmente ottenuto il mio primo shiny durante una normale partita. Nota: la linea Salamence è disponibile solo in Viola. Scarlet ottiene il Tiranitar linea invece.

Sam Rutherford/Engadget

A parte le molteplici trame, il passaggio a un design di gioco open-world è un grande cambiamento per il franchise. Ne abbiamo avuto un assaggio con la Wild Area Spada e Scudo (e Leggende: Arceus anche), ma per la nona generazione, Scarlet e Violet si sono davvero appoggiate a questo nuovo approccio.

Subito, il mondo sembra grande: mi sono quasi perso a soli 10 minuti dall’inizio del gioco prima ancora di arrivare all’accademia. Da lì, le cose vanno ancora meglio, perché ottieni rapidamente la possibilità di utilizzare la tua box-art leggendaria come veicolo, permettendoti di navigare verso un punto o un altro con stile. Nel frattempo, il paesaggio è disseminato di Pokémon in un modo che sembra decisamente bucolico. Mi sono imbattuto in Magikarp che sguazzava allegramente in laghi e fiumi, mentre in altre zone ho trovato un cerchio di Teddiursa raccolto intorno a un Ursaring, come se papà stesse raccontando una storia ai suoi figli in campeggio. Il rovescio della medaglia, tuttavia, è che, poiché il mondo è così grande e gli allenatori avversari sono spesso piuttosto esigui, a volte ci si sente un po’ soli, come se ci fosse più spazio di quanto gli sviluppatori sappiano cosa fare.

Non parlare mai più con me o con i miei figli.
Non parlare mai più con me o con i miei figli.

Sam Rutherford/Engadget

Al di fuori delle grandi città, non ci sono molti altri insediamenti e, a parte l’accademia e le principali palestre Pokémon, non puoi nemmeno entrare negli edifici. Inoltre, poiché gli allenatori nemici non ti coinvolgono più a vista, a volte sembra di essere a caccia di persone invece che di Pokémon. Non fraintendetemi, ci sono anche un sacco di oggetti e tesori nascosti disseminati sulla mappa (oltre a un’intera zona post-partita e quattro leggendari bonus), ma a volte mi sentivo come se volessi solo più di tutto. Più allenatori nemici, più città e più eventi che non vengono provati nelle tre storie principali.

Devo anche sottolineare che usare la mappa principale mi fa impazzire. Anche se non puoi fissare posizioni per la rivisitazione in un secondo momento come in BoW, è facile impostare indicatori di destinazione per evidenziare il tuo prossimo evento in palestra o nella storia. Il problema è che quando premi Y per aprire la mappa del mondo principale, ogni volta che il nord è orientato in una direzione apparentemente casuale, il che rende più fastidioso di quanto dovrebbe essere capire dove ti trovi e dove vuoi andare.

Quando un Pokemon si terastallizza, otterrà un ornamento cristallino sulla testa che corrisponde al suo tipo di tera e un successivo aumento di potenza per quelle mosse.
Alcuni tipi di tera sembrano più belli di altri…

Sam Rutherford/Engadget

Altre modifiche importanti includono Terastallizing, che consente a un Pokémon di potenziarsi e potenzialmente cambiare il suo tipo predefinito, che può fungere da sorpresa durante le battaglie quando il tuo avversario si aspetta qualcos’altro. È una bella svolta rispetto alle meccaniche Gigantamax e Max Evolution che abbiamo visto nei giochi precedenti, anche se l’effetto può sembrare un po’ sciocco per alcuni Pokémon, in particolare i tipi volanti che sono rappresentati da tre giganteschi palloncini cristallini che escono dalle loro teste.

Ma per me, alcune delle mie modifiche preferite sono i piccoli cambiamenti nella qualità della vita aggiunti Scarlatto e Viola. La nuova funzione di cura automatica ti consente di ripristinare HP ai mostri feriti semplicemente evidenziandoli e premendo il pulsante -. Le TM ora sono anche realizzabili, quindi puoi insegnare più facilmente ai tuoi mostri le mosse che desideri veramente. E invece di spostare i tutor, puoi riapprendere gli attacchi dimenticati direttamente dal riepilogo di un Pokémon invece di dover trovare una persona/luogo specifico nel gioco.

Tra tutte le palestre, i boss Titan Pokemon e Team Star, ci sono un totale di 18 distintivi diversi da collezionare in Pokemon Scarlet e Violet.

Sam Rutherford/Engadget

Ovviamente, il passaggio a un design open world non è privo di difetti, il principale dei quali è che non c’è alcun ridimensionamento del livello per i nemici. Quindi, mentre tecnicamente puoi andare dove vuoi e affrontare le palestre in qualsiasi ordine, in pratica non è proprio così. Ciò significa che devi seguire una progressione in qualche modo predeterminata perché se provi a saltare direttamente dalle zone iniziali ad aree con un gruppo di mostri di alto livello, verrai colpito. Lo stesso vale per affrontare gli allenatori che hanno squadre completamente evolute, mentre stai ancora dondolando un livello 15 Fidough. Ci sono anche un paio di aree che vengono murate finché non completi specifici eventi della storia, e mentre è possibile arrampicarsi o saltare alcune barricate, generalmente non è una buona idea. Per fortuna, se ti perdi o dimentichi cosa fare dopo, puoi sempre chiedere all’infermiera Joy (o a una delle sue innumerevoli sorelle) in un centro Pokémon, che ti suggerirà il posto migliore dove andare.

Quando devi richiamare l’attenzione sulle prestazioni di un gioco, di solito è per uno di questi due motivi: o è un tour de force grafico o scorre liscio come la pelle di un Qwilfish. E purtroppo per Pokémon Scarlatto e Viola, è quest’ultimo. Il gioco è solo una specie di scoppi. Anche fare cose semplici come spostare la telecamera in giro può portare a framerate discontinui, con un rallentamento che peggiora nelle aree più congestionate come città e paesi. Anche gli NPC sullo sfondo possono sembrare presentazioni, mentre balbettano lentamente sullo schermo. E quando guardi le cose da vicino, le texture spesso sembrano piatte mentre le ombre sono grandi e macchiate, per non parlare di tutte le frastagliature che vedi dalle linee diagonali (un po’ di anti-aliasing farebbe molto). Non fraintendetemi, non è un brutto gioco, ma sento che il più grande franchise di giochi al mondo può fare di meglio.

Tra le ombre chiazzate e le texture a bassa risoluzione, a volte è difficile apprezzare lo stile artistico del gioco.
I problemi di prestazioni in alcune aree del gioco a volte rendono la grafica di Pokémon Scarlet e Violet un po’ ruvida.

Sam Rutherford/Engadget

È quasi come se il motore di Gamefreak per Pokémon mettesse a dura prova l’hardware di Switch, il che è piuttosto sbalorditivo per un gioco che sembra simile a Respiro del selvaggio, tranne per il fatto che non è così bello, è molto meno denso ed è molto più piccolo. Ho anche subito tre arresti anomali durante le mie 35 ore di gioco insieme a innumerevoli altri bug minori e problemi visivi (sono rimasto bloccato all’interno del terreno due volte, una delle quali mi ha richiesto di riavviare il gioco).

Per fortuna, Scarlatto e Di Violetta il sistema di salvataggio automatico è abbastanza affidabile, quindi anche quando il gioco è andato in crash, non ho mai perso più di un paio di minuti di progressi. Indipendentemente da ciò, sebbene nessun software sia privo di bug, l’ultimo Pokémon funziona molto peggio del tuo tipico videogioco e, nel complesso, il gioco ha successo nonostante le sue prestazioni, il che è piuttosto deprimente.

Quale versione dovresti ottenere?

Senza svelare troppo, a parte una manciata di Pokémon disponibili solo in una versione o nell’altra, il principali differenze tra Scarlatto e Viola scendi ai rispettivi leggendari e al modo in cui questo gioca nell’area finale del gioco finale. Quindi, se preferisci mostri dall’aspetto più storico come Koraidon (korai significa antico in giapponese), scegli Scarlatto. E se ti piacciono i Pokémon più eleganti e fantascientifici come Miraidon (mirai significa futuro in giapponese) scegli Violet.

Incartare

Se gestisci bene i tuoi Pokemon, puoi unirti a Nemona come campione della Lega Pokemon.

Sam Rutherford/Engadget

Per una serie che ho iniziato a recitare alle medie, tutti i cambiamenti in Pokémon Scarlatto e Viola risultato in un gioco che sembra fresco ma ancora familiare. Il mondo è più grande che mai e ora hai la libertà di esplorarlo come preferisci (soprattutto). L’aggiunta di trame extra consente inoltre al gioco di raccontare una narrazione più profonda e coinvolgente rispetto a qualsiasi gioco Pokémon nella storia recente. Sfortunatamente i problemi di prestazioni del gioco hanno frenato l’esperienza complessiva. Quindi, mentre mi piacerebbe vedere aggiornamenti al combattimento a turni di base in futuro, Scarlatto e Viola sentirsi più vivi di qualsiasi Pokémon di gioco che è venuto prima, soprattutto da quando il franchise è passato allo Switch.

Tutti i prodotti consigliati da Engadget sono selezionati dalla nostra redazione, indipendente dalla nostra casa madre. Alcune delle nostre storie includono link di affiliazione. Se acquisti qualcosa tramite uno di questi link, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Tutti i prezzi sono corretti al momento della pubblicazione.

Leave a Comment