Secondo quanto riferito, la Disney blocca le assunzioni e si aspetta alcuni licenziamenti

Il CEO della Disney, Bob Chapek, ha dichiarato ai responsabili della divisione in una lettera che la società sta implementando misure di riduzione dei costi in parte per aiutarla a “raggiungere l’importante obiettivo di raggiungere la redditività per Disney+ nell’anno fiscale 2024”. Sulla base della nota interna ottenuta da CNBC, la Disney sta pianificando di limitare le aggiunte alla sua forza lavoro attraverso un blocco mirato delle assunzioni. Darà comunque il benvenuto a nuove persone per le “posizioni più critiche e orientate al business”, ma per il momento tutti gli altri ruoli sono sospesi. Chapek ha anche ammesso nella sua lettera che la Disney “anticipa[s] alcune riduzioni del personale” poiché esamina tutti gli aspetti della sua attività per trovare luoghi in cui può risparmiare denaro.

La lettera di Chapek arriva dopo che la Disney ha riportato guadagni non stellari per il trimestre precedente. Mentre Disney+ ha accolto 12,1 milioni di nuovi abbonati per il quarto trimestre fiscale dell’azienda terminato il 1° ottobre, la perdita operativa dell’azienda per lo streaming è balzata da $ 0,8 miliardi a $ 1,5 miliardi. La società prevede che le sue perdite diminuiranno in futuro, grazie all’aumento dei prezzi dei suoi servizi di streaming e al lancio di un livello supportato dalla pubblicità su Disney+. Nella sua nota, Chapek ha anche ribadito di essere “fiducioso in [the company’s] capacità di raggiungere gli obiettivi [it has] set”, ma la Disney intende chiaramente stringere la cinghia fino a raggiungere i suoi obiettivi.

La Disney è solo una delle tante aziende che impongono un blocco delle assunzioni a causa della crisi economica. Quando Mark Zuckerberg, capo di Meta, ha annunciato che la società madre di Facebook sta licenziando 11.000 dipendenti, ha anche affermato che estenderà il blocco delle assunzioni fino al primo trimestre del 2023. Anche Amazon ha bloccato le assunzioni nei suoi uffici aziendali all’inizio di questo mese.

Tutti i prodotti consigliati da Engadget sono selezionati dalla nostra redazione, indipendente dalla nostra casa madre. Alcune delle nostre storie includono link di affiliazione. Se acquisti qualcosa tramite uno di questi link, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Tutti i prezzi sono corretti al momento della pubblicazione.

Leave a Comment