Tesla offre il suo connettore di ricarica proprietario come nuovo standard nordamericano

Quando si tratta di caricare il tuo veicolo elettrico negli Stati Uniti, in Canada e in Messico, gli unici due tipi di connettori disponibili non sono compatibili tra loro. Tesla ha il suo connettore J1772, che a difesa dell’azienda è stato sviluppato quando Tesla era ancora l’unico gioco di veicoli elettrici in città. Tutti gli altri utilizzano l’attuale standard nordamericano, il Combined Charging System (CCS). Apparentemente Tesla spera di capovolgere quella dinamica, annunciando venerdì che sta “aprendo al mondo il design del nostro connettore per veicoli elettrici”.

Tesla sta rilasciando le sue specifiche e i progetti di produzione per il connettore J1772, che sta rinominando North American Charging Standard (NACS), nella speranza che reti di ricarica come Electrify America e Chargepoint incorporino l’hardware dell’azienda nelle loro stazioni. Il NACS “non contiene parti mobili, è la metà delle dimensioni e due volte più potente”, come alternativa, sostiene Tesla.

La società insiste affinché queste reti adottino la sua tecnologia perché “i veicoli NACS sono più numerosi di CCS due a uno e la rete di sovralimentazione di Tesla ha il 60% in più di postazioni NACS rispetto a tutte le reti dotate di CCS messe insieme”. Voglio dire, certo, ma è un po’ ignorare che quei numeri sono il risultato diretto del vantaggio pluriennale che Tesla ha tenuto sulla concorrenza nell’entrare sul mercato, un vantaggio di capitalizzazione che si sta rapidamente riducendo man mano che i marchi principali del settore come GM, Honda e l’Audi ruota sull’elettrificazione e sui produttori cinesi BYD domina lo spazio EV nel più grande mercato asiatico.

Tesla afferma che “gli operatori di rete hanno già in atto piani per incorporare NACS nei loro caricabatterie”, senza specificare quali reti lo stanno facendo e su quale scala. L’azienda “non vede l’ora che i futuri veicoli elettrici incorporino il design NACS e la ricarica presso le reti di ricarica e destinazione di ricarica nordamericane di Tesla”.

Possiamo solo speculare sul motivo per cui Tesla ha deciso che in questo momento, anche se Elon Musk sprofonda più velocemente di Artax nelle sabbie mobili della proprietà di Twitter, è il momento migliore per aprire il proprio standard al resto del settore. Tesla, e ora anche Twitter, non impiegano un team di pubbliche relazioni, quindi la tua ipotesi è valida come qualsiasi check blu.

Tutti i prodotti consigliati da Engadget sono selezionati dalla nostra redazione, indipendente dalla nostra casa madre. Alcune delle nostre storie includono link di affiliazione. Se acquisti qualcosa tramite uno di questi link, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Tutti i prezzi sono corretti al momento della pubblicazione.

Leave a Comment