Verona-Juve, Allegri avverte i bianconeri: “Serve gara di livello”

“Giochiamo contro una squadra che ci ha battuto tre volte nelle ultime cinque partite”. Massimiliano Allegri, allenatore della Juventus, avverte i bianconeri alla vigilia della sfida sul campo del Verona. “Con l’Inter abbiamo passato una serata di felicità e gioia ma abbiamo subito chiuso il capitolo. Giochiamo contro una squadra che ci ha battuto tre volte nelle ultime cinque partite. È una squadra che crea, fisica che aggredisce e domani non sarà una partita semplice. Non meritano la classica che hanno, starà a noi giocare una partita al loro livello”, dice Allegri.

“Bisognerà fare una grande partita sia sotto l’aspetto emotivo sia sotto quello tecnico, altrimenti si butterebbe via quanto fatto con l’Inter e nelle precedenti partite. Dovremo fare una partita tosta, perché ripeto a Verona la Juventus ha perso 3 delle ultime 5 partite”, aggiunge il tecnico livornese.

Capitolo formazione: “Perin domani gioca, perché Szczesny ne ha giocate 12 di fila. I recuperati sicuri sono Paredes e Kean, ma non è detto che giochino. Di Maria lo valuterò ma difficilmente ha 90 minuti nelle gambe. Vlahovic, McKennie e Chiesa da valutare oggi”.

In dubbio in particolare Vlahovic: “Dusan soffre di questa infiammazione tendinea, pubalgica. Ieri come corsa è andato meglio, se è a disposizione è un bene per la Juventus, altrimenti si curerà e vedremo se sarà a disposizione per domenica. Chiesa è rientrato, ha fatto bene, ma finché il ginocchio non trova una sua stabilità, un suo adattamento, ha dei momenti un po’ di fastidio, ma fa parte del percorso rieducativo in campo”, aggiunge Allegri.

La Juve si è rialzata anche grazie ai giovani. “Fagioli sta facendo bene ma lasciamolo sereno. Sta facendo bene anche Miretti, l’altro giorno ho visto che Fabio ha già fatto 20-22 presenze con la Juventus. Fagioli sta facendo bene e magari farà bene anche domani ma ci saranno momenti in cui avrà bisogno di recuperare. Ci sono anche altri giovani con meno esperienza che si stanno mettendo in mostra”.

Leave a Comment