Qualcomm libera la potenza del 5G mmWave

Qualcomm Technologies ha annunciato di aver raggiunto prestazioni innovative nel 5G standalone mmWave, ponendo le basi per un’espansione delle implementazioni commerciali mmWave. Questa nuova piattaforma consentirà a un maggior numero di settori e utenti di accedere a esperienze e funzionalità 5G. I dispositivi alimentati dal sistema modem-RF Snapdragon X65 5G sono stati collegati alle apparecchiature dell’infrastruttura di rete fornite da leader del settore come ZTE, Nokia Shanghai Bell e CICT Mobile. Le aziende hanno raggiunto una velocità di picco di oltre 7,1 Gbps in download utilizzando la struttura del frame DDDSU e una velocità di picco di oltre 2,1 Gbps in upload utilizzando la struttura del frame DSUUU, oltre a una bassa latenza di 3,6 ms. Tutti i test sono stati completati sotto la guida della China Academy of Information and Communications Technology (CAICT) e del China’s IMT-2020 (5G) Promotion Group.

I test comprendevano parametri di prestazione come il throughput per singolo utente, la latenza del piano utente e del piano di controllo, la commutazione del fascio e il passaggio di cella. I test hanno dimostrato che l’mmWave raggiunge velocità più elevate e latenze più basse rispetto al sub-6 GHz, utilizzando distribuzioni 5G mmWave-only (FR2-only) senza ancorarsi allo spettro LTE o sub-6 GHz, consentendo una maggiore flessibilità per l’implementazione del 5G e per soddisfare una maggiore domanda di capacità. “Oggi è un’altra pietra miliare significativa per il 5G mmWave”, ha dichiarato Durga Malladi, senior vice president e general manager, cellular modems and infrastructure, Qualcomm Technologies, Inc. “Mentre il mondo continua a vedere un aumento della domanda di dati, l’mmWave sta giocando un ruolo fondamentale nell’aumentare la capacità di rete a un costo inferiore per gli operatori. Siamo orgogliosi di continuare a collaborare con partner del settore come ZTE, Nokia e CICT Mobile, e con l’IMT2020 (5G) Promotion Group per spingere i confini della connettività e consentire robuste esperienze ai consumatori e alle imprese.”

Leave a Comment